03 > 07 Luglio 2019

SAN GIMIGNANO


O o r i z z o n t i

O arti sceniche

V v e r t i c a l i

V in Cantiere

TEATRO DANZA PERFORMANCE MUSICA INCONTRI

Orizzonti Verticali - Arti sceniche in cantiere è un progetto a cura di Compagnia Giardino Chiuso e Fondazione Fabbrica Europa, realizzato grazie al contributo di Ministero dei beni e delle attività culturali, Regione Toscana, Comune di San Gimignano (Assessorato alla Cultura, nell’ambito della manifestazione Accade d’Estate 2019), e il sostegno di Intesa Sanpaolo.

img

Orizzonti Verticali: un titolo che ci fa pensare a un paradosso, ma se osserviamo la nostra città, allora la verticalità delle torri ci riporta in territori noti e ci spinge a pensare, a sollevare lo sguardo, alzare la tensione. San Gimignano, sito Unesco dal 1990, simbolo della civiltà medievale, grazie alle sue torri ci spinge ad essere coraggiosi, a guardare verso orizzonti nuovi e così, grazie al Festival OV, i linguaggi del contemporaneo, vanno in scena nelle vie e nelle piazze antiche. Il dialogo fra l’antico e il contemporaneo è sempre stato uno dei temi del festival, così come il dialogo fra generazioni diverse di artisti: i giovanissimi e i loro Maestri. Quest’anno la riflessione si sposta su quelli che sono i “mondi possibili” e sul ruolo che l’uomo ricopre al loro interno. OV riporta il teatro nel centro della nostra città e suscita una riflessione sul ruolo della cultura nella società. Sostenere i talenti e le visioni degli artisti dovrebbe essere un obiettivo maggiormente perseguito nella nostra società, là dove invece viene trascurato e marginalizzato.

L’assessore alla Cultura Carolina Taddei

Dare vita alla settima edizione di Orizzonti Verticali e mantenere una coerenza dalle radici che hanno contraddistinto e fatto fiorire il festival in questi anni si è reso sempre più intrigante; i “maestri” ci stanno lasciando l’eredità scenica per un linguaggio contemporaneo e una proiezione futura del teatro, della danza e delle arti performative. Un’eredità difficile e stimolante, collegare sempre e ovunque la nostra origine e il nostro orizzonte. Per questo sentivamo l’urgenza di modificare la nostra visione nella programmazione di Orizzonti Verticali, di mettere a punto una necessità, e questo grazie al risultato e all’esperienza acquisita in questi sette anni di dialogo, di scontro, di confronto tra le generazioni artistiche. Pensiamo sia giunto il momento mettere a fuoco il percorso vissuto. Il filo rosso che ci ha condotto fino ad oggi era l’incontro tra giovani artisti con i “maestri” del teatro e della danza per materializzare il passaggio del testimone artistico, di un teatro pensante e presente. Per questo i nostri Orizzonti si muoveranno verso altri sguardi, consci di appartenere ad una storia e decisi a proseguire l’utilità dei nostri pensieri e delle nostre voci. Il programma di quest’anno si snoda quindi attraverso la ricerca di contenuti forti declinati tra i diversi e disparati linguaggi artistici. Una mutevole e caotica contemporaneità che ci regalerà diversi punti di riflessione e di visioni sul mondo e della giusta collocazione dell’uomo nella moltitudine. Gli spettacoli proposti sono legati da una sottile traccia che li accomuna, tutti hanno un forte impianto drammaturgico che li contraddistingue. Una necessità di raccontare storie e ampliare il dubbio e il nostro discernimento in questa contemporaneità. Orizzonti Verticali è un progetto condiviso oramai da quattro edizioni con la Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee, unico Ente Regionale per lo spettacolo dal vivo riconosciuto dalla Regione Toscana, per dare concretezza alla diffusione e all’offerta artistica su tutta la Toscana. Ma da quest’anno OV è stato inserito ufficialmente all’interno del Festival Fabbrica Europa che si tiene a Firenze da oltre 25 anni. La scelta di interconnettere i due progetti è la naturale prosecuzione che la Fondazione Fabbrica Europa ha come obbiettivo, quello di esplorare territori fecondi e propulsivi per alimentare un pensiero artistico contemporaneo libero e propositivo. Teatro, danza, musica e arti performative si incontreranno, come ormai consuetudine, nella prima settimana di luglio nei magici luoghi di San Gimignano, per movimentare le nostre coscienze e i nostri desideri.

“Sono stato sempre attratto dalla scrittura. Ma l’idea di immaginare un mondo di parole che, invece di vorticare nella propria immaginazione, diventasse visibile e oggettivo, mi è sempre sembrato un miracolo. Capace cioè di produrre un grado di coinvolgimento più intenso, in quanto condivisibile con altre persone, riunite nell’atto di partecipare a una sorta di rito (…) Il teatro è un modo di conoscere il mondo con forze non solo razionali, ma anche emozionali. È il luogo delle contraddizioni: e dove c’è contraddizione c’è vita, c’è dialogo”.

Roberto Guicciardini

DIREZIONE ARTISTICA

Tuccio Guicciardini
Patrizia de Bari

PRODUZIONE

Francesca Costantini

UFFICIO STAMPA

Fabrizio Calabrese

COORDINAMENTO FABBRICA EUROPA

Isabella Valoriani

ORGANIZZAZIONE

Laura Manzi per Vernice Progetti Culturali

LOGISTICA

Arianna Landi

DIREZIONE TECNICA

Saverio Cona

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA

Sara Papini

ASSISTENTE UFFICIO STAMPA

Elena Attanasi

COMUNICAZIONE WEB

Filippo Figone

REDAZIONE WEB

Vittoria Colotti

FOTOGRAFIA

Francesco Spagnuolo
Francesca Di Giuseppe

WEB DESIGNER

Michelangelo Tronnolone

IMMAGINE

VaderVroom

PROGETTAZIONE GRAFICA E REPORTAGE VIDEO

Pupillaquadra

ILLUMINOTECNICA

Valdelsa Studio Service

STAFF TECNICO

Elisa Bertini
Orso Casprini
Luigi Croce

COLLABORATORI

Vladi Tomasi
Gian Marco Bellucci
Eleonora Macchi
Serena Solpasso

COMITATO PROMOTORE OV

Fabrizio Landi
Chiaradele Tancredi
Simonetta Repetto
Tuccio Guicciardini
Patrizia de Bari

CONNESSIONI ARTISTICHE TRA PASSATO E FUTURO

Per tutta la durata della manifestazione si svolgeranno incontri con artisti, operatori culturali, critici e pubblico, incentrati, come nelle precedenti edizioni, sul tema del confronto generazionale, prendendo spunto dal Manifesto di Ivrea del 1966, spartiacque per la storia del teatro recente.

LOGGIA DEL TEATRO DEI LEGGIERI, PIAZZA DUOMO ore 17:00

 
 

INFO POINT FESTIVAL
LOGGIA DEL TEATRO DEI LEGGIERI

Piazza Duomo - San Gimignano

Biglietti


INTERO€ 12,00
RIDOTTO€ 8,00
over 65, soci Arci, dipendenti e correntisti Intesa Sanpaolo, ospiti delle strutture ricettive convenzionate, iscritti corsi LUS – Libera Università di San Gimignano, possessori del biglietto d’ingresso ai Musei Civici di San Gimignano, sostenitori “Leggeri d’Inverno
RIDOTTO€ 5,00
under 18, studenti universitari, allievi scuole di teatro e danza


BIGLIETTO UNICO€ 8,00
Valido per ognuno degli spettacoli
La penna e la spada
L’imputato non è colpevole
Carnet Erotico
Riflessi Lucidi
BIGLIETTO UNICO€ 3,00
Valido per ognuno degli spettacoli
Animanimale
Abitare la città
RINGRAZIAMENTI

Don Mauro, Parrocchia di Santa Maria Assunta, Sandra Pizzi, Ufficio Turistico Pro Loco, Domenico Virgilio, Comunità dei Frati Agostiniani, Piero Guicciardini, Associazione Semi, Stefano Di Piazza, Valentina Cencetti.
Ai volontari OV: Francesco Bianciardi, Camilla Diana, Sofia Forconi, Costantina Forma, Silvia Funaioli, Riccardo Loli, Sandro Mugnaini.

HANNO SOSTENUTO IL PROGETTO

BAR LE TORRI
BAR PIAZZETTA
D!VINERIA
LA VECCHIA NICCHIA
LOCANDA DI S.AGOSTINO
RISTORANTE IL TROVATORE
SOSTA SULLA FRANCIGENA
XIX MANSIO - BISTROT PIZZERIA
CASA DEI POTENTI
CASA VACANZE FATTORIA GUICCIARDINI
LOCANDA IL PINO
LOCANDA QUERCECCHIO
PALAZZO BUONACCORSI
PALAZZO MARI

PROGETTO
A CURA

DI

NELL'
AMBITO

DI

Con il
Contributo

di

CON IL
SOSTEGNO

DI

UN
GRAZIE

A

Le Edizioni passate

recapiti
contatti

per qualsiasi informazione


Telefono

(+39) 0577 94 00 08

Seguici sui social